ciclista con postura perfetta bici da corsa

La postura perfetta in sella per la bici da strada

Il corretto posizionamento in bicicletta è fondamentale: stare bene in sella aiuta la performance e la voglia di uscire e, a volte, pochi millimetri sull’assetto di una bici fanno la differenza.

Ma qual è la postura perfetta per la bici da corsa? Ognuno di noi presenta caratteristiche fisiche differenti e uno stile di pedalata diverso, rendendo dunque difficile stabilire esattamente quale sia la posizione migliore da mantenere in sella.
Scopriamo però qualche segreto posturale per ottimizzare la pedalata su una bici da strada.

La posizione di guida su una bici da corsa

Innanzitutto il nostro consiglio è quello di sottoporvi a un test biomeccanico per conoscere precisamente le vostre misure antropometriche. In caso non abbiate tempo o la possibilità di effettuare una visita, esistono delle tabelle o piattaforme online che, in base alle vostre misure (statura, peso, altezza cavallo, larghezza spalle…), calcolano la taglia del telaio giusto per voi: questa sarà già una buona base di partenza.
La bici da corsa, infatti, prevede di mantenere la stessa posizione per lungo tempo, anche quando fatica o stanchezza iniziano a farsi sentire, compromettendo performance e risultati. Per questa ragione è importante avere una bici della misura adatta: in caso contrario, qualunque ulteriore modifica sarebbe solo un ripiego.

L’ottimizzazione della potenza e il posizionamento della sella su una bici da strada

La fase di spinta della pedalata parte dall’angolo coxo femorale: è quindi determinante posizionare correttamente la sella. La giusta altezza e il corretto arretramento influiscono direttamente sulla prestazione ed evitano danni a tendini, muscoli e apparato scheletrico. Attraverso la leva articolata della gamba, la fase di spinta giungerà̀ alla catena e poi alla ruota. Migliore sarà̀ questa funzione, minori saranno le dispersioni e maggiori saranno le possibilità̀ di mantenere costante l’erogazione di potenza.
L’altezza della sella e il suo arretramento sono due valori molto importanti per posizionarsi correttamente in bicicletta e sono vincolati tra loro da una strettissima relazione: è impossibile apportare anche una pur minima modifica all’uno senza di conseguenza modificare l’altro.

Una volta rilevata la corretta altezza della sella, facendo attenzione che la coscia crei un angolo con la tibia di circa 140°-145°, dovrete impostarla in modo che sia orizzontale (utilizzate una livella). Per calcolare invece il giusto arretramento della sella, quando il piede è in posizione “ore 3” della pedalata, il ginocchio dovrà essere verticalmente in linea con il fulcro del pedale (misurazione che è possibile vedere sui rulli statici con un filo a piombo).

La scelta delle scarpe e l’ottimizzazione della pedalata su una bici da corsa

Le scarpe del ciclista dovrebbero essere della corretta misura per non avere alcuna dispersione di forza. Importante sarebbe possedere un appoggio personalizzato del piede all’interno della scarpa, tale da formare un corpo unico per esercitare la maggior potenza possibile. Altro fattore da considerare è il corretto posizionamento del piede sull’asse del pedale: ogni errore in tal senso non consentirà̀ lo sviluppo di una buona pedalata che, anticipando o posticipando il cosiddetto “punto morto”, creerà uno sconveniente momento di stallo e un conseguente vuoto di potenza.

Prevenire dolori e fastidi in bici da corsa

Essendo la posizione del corpo su una bici da strada tendenzialmente aerodinamica, l’angolo presente fra busto e gambe sarà abbastanza stretto: di conseguenza il punto di pressione sul sellino risulterà spostato in avanti, verso la punta. Dovrete quindi indossare un pantaloncino da ciclismo adatto alla disciplina, in grado di fornirvi un maggiore sostegno nella zona anteriore.

I muscoli devono lavorare in condizioni ottimali perché́, oltre a dover erogare potenza, sono direttamente coinvolti nel processo di ritorno venoso, aiutando a smaltire gli enzimi prodotti dalla fatica. Per evitare che le lunghe distanze e il relativo tempo trascorso in sella causino spiacevoli dolori articolari, bisognerebbe cercare di mantenere il più possibile una postura morbida e rilassata.

Sono infatti vivamente consigliati esercizi di stretching e allungamento per aumentare la flessibilità e abituare il corpo ad una posizione non totalmente naturale.
Seguendo queste linee guida potrete, con buona probabilità, migliorare le vostre performance e godere al massimo delle future uscite in bici.